YOGA PER LA VISTA

La vista la vista è quello tra i cinque sensi che permette la relazione con il mondo esterno in termini valutativi, producendo una sintesi con gli altri sensi.

PROCESSO DELLA VISIONE:

Al cervello arrivano i messaggi del tutto il corpo e gli occhi e la vista svolgono un ruolo primario nell’aspetto cognitivo e ricettivo, sia sul piano energetico che su quello fisiologico emotivo psicosomatico psichico o razionale.

Quello della VISTA è in realtà un processo che sintetizza funzioni molto complesse.

Il processo visivo si compone di tre diversi livelli con  la sensazione e percezione e la memoria.

Ne consegue che per una buona vista occorrono occhi e anche cervello insieme,  che funzionino correttamente.

PRIMA FASE – SENSAZIONE:

Il primo stadio della sensazione avviene livello degli occhi,  come ricezione dello stimolo visivo e similmente ad una macchina fotografica, anche se molto più sofisticata, la struttura oculare necessita di un integrità per il suo buon funzionamento. E come un apparecchio fotografico l’occhio imprime sulla retina ciò che proviene dall’esterno.

SECONDA FASE – PERCEZIONE:

Poi c’è la fase della percezione, che va a livello cerebrale come traduzione dello stimolo sensoriale: è legata all’integrità e al funzionamento delle strutture cerebrali deputate.

TERZA FASE – IMMAGINE:

Infine la terza fase può essere considerata una decodificazione e interpretazione a livello cerebrale delle immagini che vi giungono.  E’ il nostro cervello che decodifica e poi interpreta le macchie di colore, le forme,  le grandezze e  le definisce.

MEMORIA:

Questo implica perciò l’uso della memoria come associazione della percezione ottenuta con le altre precedenti al fine di riconoscimento.  Tenendo conto che la funzione visiva necessita, come gli altri sensi, di un filtro adeguato, poiché  tutto quello che arriva direttamente ai nostri sensi viene direttamente elaborato  dal cervello, però non può essere totalmente portato a coscienza, nella nostra consapevolezza: la quantità di informazioni non sarebbe gestibile dalla nostra coscienza.

COSA VEDO?

Che cosa succede in realtà? che cosa vedo, quanto vedo della realtà e quanto è attendibile?  in realtà si attiva un filtro.

Il cervello con  alcune sue funzioni, definite Sistema di Attivazione Reticolare, crea una scelta e di  tutte le informazioni che riceve istantaneamente ne può processa a livello conscio solo una piccola parte. Quella che ritiene utile e fondamentale in quel momento.

Tra le innumerevoli funzioni cerebrali, il cervello  interpreta attraverso quello che riconosce con la memoria e traduce in immagini congrue attraverso un processo neurologico che viene definito ATTENZIONE SELETTIVA.

Quindi dove si orienta la nostra concentrazione, il nostro interesse, lì si attiva la risposta cerebrale. Potremmo anche chiederci se il cervello ci faccia vedere quello che NOI vogliamo vedere.

FILTRO:

E ancora: il nostro cervello  adotta una strategia, lasciando passare un piccolo numero di percezioni e completando il quadro con l’aiuto della memoria.  Riempiendo poi le lacune, dà continuità le impressioni sensoriali. Così viene da chiedersi: CHE COSA VEDIAMO?

UN VIAGGIO:

E’ un meraviglioso viaggio alla scoperta di noi stessi, quello che possiamo condividere come percorso di Miglioramento Visivo.

Proprio così: lo Yoga per la vista è un PERCORSO, che può iniziare con il vero e proprio corso introduttivo di una giornata, in cui iniziamo a sperimentare nuove abitudini di salute e benessere per i nostri occhi.

 In anni di esperienza ho constatato come lo Yoga crei la condizione ideale per le pratiche visive con efficacia spesso immediata, attraverso micro miglioramenti che ogni esercizio attiva.

COME?

Si pratica una vera e propria ginnastica oculare insieme ad esercizi di rieducazione visiva nella condizione dello Yoga: con l’attenzione al respiro, attivando una migliore ossigenazione.   Alternando così esercizi a semplici tecniche di rilassamento oculare, adatte anche nel quotidiano per evitare gli effetti nocivi dello stress da lavoro prolungato al computer, tablet o smartphone.

Con il corso viene consegnato un programma iniziale di un mese per riconquistare la funzionalità visiva e radicare le nuove abitudini di benessere visivo. Questo consente di  rieducare il sistema mente corpo, abbandonando vecchi moduli di comportamento e proponendo nuove benefiche abitudini.

Si utilizzano pratiche con la luce naturale alcune all’aperto alla luce del sole altre al buio
Pratiche di respirazione specifica, di rilassamento oculare, alcune ayurvediche e vere e proprie ricette ayurvediche.

Viene  anche proposta una specifica consapevolezza alimentare.

Senza tralasciare un necessario approfondimento della funzione visiva, dell’ anatomia e fisiologia e che cosa sono i difetti visivi e quali invece le patologie oculari.

Prenderemo in esame le correzioni visive più opportune come: occhiali, lenti a contatto e  ortocheratologia. E naturalmente analizzeremo la postura nello studio o al computer.

 Confermando con risultati documentati di casi seguiti e monitorati con i controlli oggettivi.

Il corso viene proposto con una cadenza mensile o bimestrale in una giornata

TI INTERESSA YOGA PER LA VISTA? COMPILA IL FORM QUI SOTTO PER RICEVERE ULTERIORI INFORMAZIONI E PER CONOSCERE LE DATE DEI CORSI!!!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Acconsento al trattamento dei dati

clicca per leggere